ESONERO CONTRIBUTIVO NEI SETTORI DEL TURISMO E DEGLI STABILIMENTI TERMALI...

di Elisa Chiorlin

<<BUONGIORNO, UN’AZIENDA CLIENTE GESTISCE UN BAR ALL’INTERNO DI UNO STABILIMENTO TERMALE, POTREBBE QUINDI BENEFICIARE DELL'ESONERO PREVISTO DAL D.L. n^4/2022 (c.d. DECRETO SOSTEGNI TER)?>>


***

Il Decreto Legge cosiddetto Sostegni Ter (convertito con modificazioni con la L. 25 del 28/03/2022), all’art. 4 co. 2, ha previsto l’estensione dell’esonero introdotto con il D.L. n^104/2020 art. 6, in relazione alle assunzioni a tempo determinato, o con contratto stagionale, intervenute nel periodo dal 1° gennaio 2022 al 31 marzo 2022 limitatamente ai settori del TURISMO e degli STABILIMENTI TERMALI.


Sulla base di tale previsione normativa il datore di lavoro ha diritto ad un esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali a suo carico qualora abbia stipulato un contratto a tempo determinato o di natura stagionale entro il 31 marzo 2022. L’agevolazione contributiva però è limitata ad un periodo massimo di 3 mesi o in alternativa, se inferiore, per tutta la durata del contratto, mentre in caso di trasformazione del contratto a tempo indeterminato la durata viene estesa a 6 mesi.


Il legislatore ha introdotto inoltre un limite afferente all’ammontare dell’esonero, reperibile all’interno dell’art. 7 D.L. 104/2022 (conv. L. 13 ottobre 2020, n. 126), concedendo, per ciascuna assunzione effettuata in ossequio alla normativa, un importo massimo annuo di € 8.060 da riparametrare su base mensile.

Inoltre ha condizionato l’agevolazione ai medesimi requisiti in precedenza previsti nell’agosto 2020 e qui in breve riepilogati:


  • Non possono essere beneficiari lavoratori che nei 6 mesi precedenti abbiano già avuto un rapporto di lavoro con il medesimo datore di lavoro;

  • Sono esclusi dal computo i premi INAIL;

  • È cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento;

  • Possesso del DURC;

  • Rispetto delle previsioni contenute nell’art 31 D.Lgs n^150/2015;

  • Rispetto della disciplina in materia di aiuti di stato (cd. De minimis).


In merito a tale ultimo aspetto la disposizione normativa subordina espressamente la concessione dell’esonero all’ambito delle previsioni contenute nel cd. Temporary Framework e all’autorizzazione della Commissione Europea, la quale ad oggi non appare essersi espressa sulla questione.

Rimane ora da analizzare l’elenco dei settori interessati.

La previsione normativa riconosce l’accesso a tale beneficio alle assunzioni effettuate nei settori del Turismo e degli Stabilimenti Termali ed è quindi naturale chiedersi come verranno identificati tali settori.

Partendo da una breve lettura della Circolare INPS n. 133 del 24/11/2020, rilasciata all’epoca in merito all’esonero previsto dagli artt. 6 e 7 del D.L. n^104/2020, l’Istituto sembra soffermarsi solamente sulla locuzione datore di lavoro ricomprendendo i soggetti imprenditori (e non) privati ed escludendo di conseguenza le Pubbliche Amministrazioni. Nulla viene detto in relazione alla specifica previsione dell’art. 7.


In conclusione per rispondere alla domanda posta si dovranno attendere le istruzioni INPS. Sarà interessante vedere come verranno individuati i settori coinvolti dall’esonero contributivo. Con molta probabilità l’Istituto adotterà il sistema del codice Ateco prevedendo un elenco di attività rientranti, come già avvenuto in precedenti Circolari attinenti ad agevolazioni, esoneri, decontribuzioni riconosciute dal legislatore solamente ad alcune categorie.




WORKING IN PROGRESS……

Nell’attesa della pubblicazione del presente articolo, l’Istituto previdenziale ha rilasciato la Circolare n. 67 del 10/06/2022 in virtù dell’autorizzazione della Commissione Europea del 7/06/2022.


La predetta Circolare fornisce indicazioni amministrative utili:

  • al corretto inquadramento dei potenziali beneficiari (Vedasi allegato 1 della Circolare che identifica i beneficiari sulla base dei codici ATECO);

  • alla quantificazione dell’importo mensile/giornaliero di esonero spettante, da riproporzionare per i contratti di lavoro part time;

  • all’identificazione dei contributi previdenziali esclusi (per i quali permane l’obbligo di versamento);

  • alla modalità di presentazione della domanda attraverso il portale delle Agevolazioni (ex DiResCo), compilando il modulo istanza denominato “TUR44”, entro il 30 Giugno 2022.


Appare utile segnalare che tale esonero contributivo può essere riconosciuto anche alle assunzioni a scopo di somministrazione, purché l’utilizzatore rientri in uno dei settori individuati dalla Circolare richiamata.


17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti